Crea sito
6 In Make-up/ Review prodotti

Fondotinta COLOR X SKIN di Purophi

Eccoci qua, oggi torno a parlarvi di makeup organico e vegano raccontandovi nel dettaglio cosa ne penso di quello che è il prodotto che, a mio avviso, doveva vincere il premio Sana Novità 2019: il fondotinta della linea COLOR X SKIN di PUROPHI.
Quando sono arrivata in fiera mi sono immediatamente fiondata allo stand di Purophi perché da un loro spoiler avevo intuito che avrebbero presentato dei fondotinta ma non avrei mai immaginato che si trattasse di un prodotto così particolare, versatile e innovativo.
COLOR X SKIN non è una “semplice” linea di fondotinta perché si tratta di veri e propri trattamenti capaci di uniformare l’incarnato e allo stesso tempo proteggere la pelle da inquinamento atmosferico, raggi infrarossi e luce blu.

“Prendi la base, aggiusta il tono: avrai tutti i colori di cui hai bisogno senza cambiare prodotto.
Facile da applicare e veloce, il colore si fonde con il nostro incarnato per un risultato naturale e coprente.”

 

INFO SUL PRODOTTO:
Categoria: make-up organico e vegan-friendly.
Marchio: PUROPHI
Quantità: 30 ml.
PAO: 6 mesi.
Prezzo: 44,00 euro.
Reperibilità: Tiarè, bioprofumeria Pordenone, Bio boutique la rosa canina (questo shop con il codice ADDICTED15% potrete usufruire del 15% di sconto), Phylla Milano sito aziendale
Certificazioni:

 

 

 

PuroPhi, acronimo di Pure Organic Philosophy, nasce dalla volontà di esplorare nuove e potenziali sinergie tra mondo organico ed inorganico, tecnologia e fisiologia, scienza e natura. Un progetto che intende riconsiderare l’idea di purezza. Puro non è l’incontaminato. Puro è tutto ciò che rimane tale nella contaminazione di mondi affini, in un gioco di scambi e rinnovati equilibri. Un percorso in continua ricerca e sperimentazione, libero e coerente.” 

La mente creativa che si cela dietro questo meraviglioso brand Made in Italy è quella di Daniela Roppolo che, dopo aver lavorato per molti anni in una multinazionale farmaceutica di Verona, nel 2014 ha fondato PUROPHI, il primo marchio skincare italiano indipendente che parla di chimica “green”, quella sostenibile e dall’anima naturale che si fonda sul concetto che “ciò che fa male alla pelle fa male al Pianeta” e non deve in alcun modo essere presente nei loro cosmetici.
Daniela non è solo un’imprenditrice creativa e dinamica ma anche una mamma, la mamma di Chiara e Gabriele, ed è anche per loro che ha deciso di percorrere la strada della Conscious Beauty (da mamma posso capirla molto bene e, da mamma, la stimo ancora di più per il percorso che da 6 anni a questa parte sta portando avanti con tenacia e determinazione).

PUROPHI è un’eccellenza italiana che produce cosmetici eco-dermocompatibili e dermoaffini, privi di ingredienti di derivazione animale ma soprattutto privi di ingredienti dannosi per la pelle e l’ambiente, il cui filo conduttore è rappresentato dalla presenza di attivi antiossidanti ed antiage e per questo si rivolgono ad un target dai 25 anni in su.
Per realizzare i bio-ecocosmetici PUROPHI vengono usate delle innovative biotecnologie verdi quali l’estrazione enzimatica degli attivi dalle bucce dei vegetali di origine biologica. I prodotti che ne derivano hanno formulazioni ad alte prestazioni perchè, oltre ad avere attivi biologici, hanno i bioliquefatti enzimatici derivati dalle bucce dei vegetali (ricche di polifenoli, alfaidrossiacidi e carotenoidi) che hanno un basso peso molecolare e per questo riescono a penetrare a fondo nella pelle.

Cos’è la bioliquefazione?
Si tratta di un metodo estrattivo attraverso il quale i principi attivi vengono distaccati dalle strutture polisaccaridiche che li trattengono fisicamente e chimicamente ottenendo così principi attivi concentrati e molto più efficaci.
La scelta di utilizzare i bioliquefatti, oltre ad essere utile per formulare un cosmetico altamente performante e immediatamente attivo, rappresenta una scelta ecologica eccellente perchè recupera elementi “di scarto” che andrebbero buttati.
Questo aspetto mi ha da subito affascinata perchè mi ha fatta pensare agli artigiani, da sempre fiore all’occhiello del nostro paese, che partendo da materie prime di poco valore riescono a creare dei manufatti di inestimabile valore economico ed artistico.

“Diversi sottoprodotti dell’agroindustria contengono importanti classi di molecole bioattive (polifenoli, carotenoidi, alfaidrossiacidi e molte altre), utili nei cosmetici. In particolare, dalle bucce di alcuni vegetali grazie alle ultime ricerche in campo biotecnologico, sono stati sviluppati, i bioliquefatti enzimatici, principi attivi innovativi a base acquosa, ricavati senza l’utilizzo di qualsiasi solvente chimico aggressivo o olio, ma solo attraverso enzimi naturali.” 

Oltre alla presenza dei bioliquefatti e alle formulazioni ricercate, eco-dermocompatibili, dermoaffini e vegan-friendly, Purophi si distingue anche per la presenza nelle sue formulazioni di principi attivi 100% Made in Italy e per le profumazioni che sono sempre naturali e funzionali e vengono sviluppate da “nasi” affermati.

 

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO:
Packaging: i flaconi dei fondotinta Color X Skin di Purophi sono in vetro con il tappo dosatore in plastica e sono tutti rivenduti in un pack secondario in cartone realizzato in esclusiva per Purophi con il sistema *Korrvu.
Consistenza: i fondotinta Color X Skin di Purophi hanno una texture fluida e leggera.
Profumo: la profumazione è naturale ed estremamente delicata e non è affatto persistente.

*SISTEMA KORRVU
Si tratta di una soluzione brevettata per il contenimento e la spedizione dei prodotti, un packaging “no packaging”  in cartone riciclabile e riutilizzabile. Il design di questo pack secondario è stato realizzato su progetto esclusivo Purophi (ref. nr. IT35002U00) ed è innovativo perché rende pratico e sicuro il trasporto dei prodotti minimizzando lo spreco di materiale da imballaggio a favore del riciclaggio sostenibile.
Si tratta di una scatola americana con l’interno fustellato al quale è applicato del film plastico che funge da blocco e protezione ai prodotti.
Non essendo necessario utilizzare ulteriore materiale protettivo all’interno della scatola si riducono così costi, tempi di realizzazione e peso dell’imballo stesso.
Come vedete Purophi è sempre molto attenta alla sostenibilità ambientale.

 

COLOR X SKIN:
Fino ad ora Purophi si era occupata sempre e solo di skincare ma, con la linea Color X Skin, adesso ha aperto i propri orizzonti al make-up organico e vegano  (in questo articolo trovate la recensione del PRIMER mentre in questo vi parlo degli AGGIUSTATONO)..
Non si tratta di semplici cosmetici decorativi ma di veri e propri trattamenti capaci di svolgere un’azione antiossidante e di proteggere la pelle dall’inquinamento atmosferico, dai raggi infrarossi e dalla luce blu infatti nelle formulazioni troviamo:
🍃estratto di Zafferano dall’azione anti age e antipollution;
🍃bioliquefatto enzimatico di Verbasco che protegge la pelle dalle radiazioni UV;
🍃bioliquefatto enzimatico di pomodoro ricchissimo di licopene (un carotenoide dalla potente azione antiossidante) ottenuto con tecnologia C.A.M. (Carotenoidi Acquosi Microdispersi brevettata) che permette di abbinare tecnologie di Bioliquefazione a quelle di Microdispersione (le bucce di pomodoro vengono trattate in ambiente acquoso – senza utilizzare solventi organici tossici – liberando il licopene in origine intrappolato nelle maglie della matrice vegetale ed ottenendo polifenoli e zuccheri idratanti e nutrienti naturalmente contenuti nell’epicarpo di pomodoro ma, in origine, non biodisponibili);
🍃Alchechengi, un potente antiossidante capace di difendere la pelle dai raggi infrarossi;
🍃Vitamina B3 (detta anche Vitamina PP) è un attivo con spiccate proprietà anti-age, riequilibranti, elasticizzanti e antinfiammatorie che è capace di ridurre non solo le rughe ma anche le macchie da pigmentazione;
🍃Acqua di bacche di Goji nota per le sue proprietà tonificanti, antiossidanti e protettive;
🍃Acido lattico che svolge una leggera azione esfoliante e stimola il rinnovamento cellulare.

Il lancio della linea Color X Skin di Purophi è stato accolto con molto entusiasmo ma anche con qualche polemica perché alcuni hanno obiettato sul fatto che in gamma ci fossero “solo 4 colorazioni” di fondotinta.
Indubbiamente 4 colorazioni sono poche ma l’azienda, giusto o sbagliato che sia, ha deciso di realizzare quelle che, a parer loro, sono le 4 colorazioni base (chiara, chiara/media, scura/media e scura), quelle che potrebbero adattarsi alla maggior parte degli incarnati.
A prescindere dalla scelta dell’azienda io non posso non pensare anche che, per realizzare le varie colorazioni di fondotinta, non basta aggiungere pigmenti più chiari o più scuri ma bisogna studiarne la miscela, fare varie prove e infine testare ogni singola colorazione e che mettere in piedi la produzione di un’ampia gamma di nuances di fondotinta sia molto impegnativo tanto in fase di progettazione quanto di produzione (probabilmente è per questo motivo che la maggior parte delle aziende hanno in gamma solo poche colorazioni di fondotinta).
Io per prima avrei gradito avere a disposizione più toni tra cui una colorazione più chiara e più fredda della P ma posso assicurarvi che, grazie all’aggiustatono -, riesco ad ottenere la colorazione adatta al mio incarnato e per questo mi ritengo più che soddisfatta anche perché, anche con altri brand, fatico sempre a trovare  il fondotinta del mio tono di pelle (dramma di tutte noi “fantasmine” dalla carnagione molto chiara).

 

FONDANT  P  U  R  O:
Devo dire che Purophi si è sempre contraddistinta per le formulazioni ricercate, l’efficacia delle referenze e l’innovazione e vi confermo di aver riscontrato tutto questo anche in queste prime referenze di make-up, l’azienda non ha disatteso le mie alte aspettative.
Non si tratta di un semplice fondotinta ma di un vero e proprio fondotinta trattamento capace di svolgere un’azione antiossidante e di proteggere la pelle dall’inquinamento atmosferico, dai raggi infrarossi e dalla luce blu e proprio per questo lo uso con molta soddisfazione perché con un solo prodotto riesco ad uniformare l’incarnato e a sostenete e a “tutelare” la mia pelle dall’insorgenza dei radicali liberi (non è possibile impedirne la formazione ma possiamo difenderci da alcuni effetti negativi associati alla produzione di radicali liberi).
Per questo vi dico che, grazie a Purophi il belletto si fa trattamento perché ci troviamo di fronte ad un cosmetico decorativo ma anche funzionale!
Pigmenti liquidi ed estratti naturali e biologici quali Zafferano, Verbasco, Pomodoro, Alchechengi, Acqua di bacche di Goji, Acido lattico, Olio di avocado e Vitamina B3 si fondono insieme per creare un fondotinta trattamento dalla formulazione ricercata e dalla texture leggera e setosa.

Le 4 colorazioni prendono il nome dalle prime 4 lettere del nome dell’azienda e infatti abbiamo P (chiaro), U (medio chiaro), R (medio scuro), O (scuro) mentre PHI, come vi ho già detto, è il “nome” del primer.
Tutte e 4 le colorazioni DEL fondotinta Color X Skin di Purophi su di me non tendono ad ossidare nel corso della giornata.
Quella che uso abitualmente io è la colorazione P, la più chiara, che però non è sufficientemente chiara per il mio incarnato ma con l’aggiustatono – per fortuna riesco a correggerne il tono e ad usarla, per fortuna perché questo fondotinta mi piace davvero tantissimo. Perché mi piace??? Ve lo spiego subito.

Quando ho iniziato a provare il fondotinta Color X Skin di Purophi, la prima caratteristica che ho potuto apprezzare è sicuramente la texture, leggera ed elastica che permette al prodotto di fondersi con l’incarnato senza appesantirlo.
Grazie alla sua texture fluida il fondotinta si sfuma con estrema facilità e si presta ad essere applicato sia con le mani che con le blender o i pennelli (sia a lingua di gatto che flat kabuki) ma, senza alcun dubbio, l’applicazione che io preferisco è quella con la blender perché mi consente di ottenere un effetto più naturale e, allo stesso tempo, di far aderire meglio il prodotto alla pelle.
Io ho una pelle abbastanza matura e per me è di fondamentale importanza usare fondotinta dalla texture leggera ed elastica altrimenti mi ritroverei con le linee di espressione evidenziate e con una sorta di effetto pelle secca dovuta alla non corretta aderenza del prodotto alla pelle.

Sebbene io abbia una pelle a tendenza acneica con delle macchie rosse (gentile lascito dei tanto odiati brufoli) tendo a prediligere prodotti dalla coprenza media perché trovo che i fondotinta troppo coprenti mi appesantiscano e appiattiscano, detta in soldoni trovo che mi invecchino.
La coprenza dei fondant della linea Color X Skin è media ma, complice la texture leggera ed elastica, è anche modulabile e per questo posso ottenere:
una coprenza medio bassa se lo stendo con la blender;
una coprenza media se lo stratifico (io solitamente lo stendo con la blender su tutto il viso e poi lo stratifico solo nelle zone in cui voglio ottenere maggiore coprenza);
una coprenza media se lo applico con il pennello proposto dal brand (a lingua di gatto) o con un flat kabuki.

Il fondotinta della linea Color X Skin di Purophi mi piace anche perché regala al mio incarnato un aspetto naturale ma allo stesso tempo luminoso.
Tranquilli, nessun effetto glowy perché il finish del prodotto non è super luminoso/glow ma naturalmente radioso.
Vi faccio presente che, per quanto riguarda il finish, la colorazione P risulta leggeremente più opaca rispetto alle altre (ha anche una texture leggermente più densa che però resta comunque fluida, non è un prodotto pastoso).

La durata è un altro punto a favore di questi fondant perché trovo che questi prodotti della linea Color X Skin di Purophi si fissino alla pelle senza appesantirla e questo premette al prodotto di non spostarsi ma anche di non causare lucidità.
Ovviamente se avete una pelle grassa dovrete fissare il prodotto con una cipria e sicuramente nelle zone più oleose avrete bisogno di applicare un po’ di cipria a metà giornata così come, nel caso abbiate una pelle secca, dovrete avere cura di preparare la pelle prima di procedere con l’applicazione del fondotinta (vi consiglio caldamente di provare il primer PHI) ma, in linea di massima trovo che questi fondotinta abbiano una buona durata e non tendano né ad evidenziare zone secche né a causare eccessiva lucidità.

Per quanto riguarda l’applicazione, come vi ho già detto, il fondotinta Color X Skin di Purophi si presta ad essere applicato con vari tipi di pennelli, con la blender ma anche con le mani in base all’effetto che volete ottenere e/o a come vi trovate meglio.
Io prediligo l’applicazione con la blender perché mi permette di ottenere un incarnato uniforme e di coprire abbastanza bene le mie discromie (vi ricordo che per neutralizzare le macchie rosse occorre necessariamente un correttivo verde) senza rischiare di ottenere una base troppo pesante.
Riguardo l’applicazione vi dico che, a mio avviso, l’applicatore con la pipetta contagocce non è ideale per questo fondotinta perché ho notato che, soprattutto con la colorazione P che è leggermente meno fluida, la pipetta fa un po’ di fatica nel prelevare e nel rilasciare il prodotto e per questo io solitamente verso il fondotinta sul dorso della mano direttamente dal flacone in vetro. Personalmente cambierei l’erogatore a pipetta in favore di uno a pressione (per intenderci, io metterei lo stesso tappo dosatore che è presente nel primer PHI).

A chi lo consiglio e in che stagione?
Prendendo come dato generico quello che vi ho espresso poco fa mi sento però di fare alcune precisazioni sulla base della mia esperienza con il prodotto da inizio Settembre fino ad oggi (inizio Marzo):
pur non essendo un prodotto pesante, ritengo che sia adatto alle pelli grasse solo durante le stagioni fredde e quelle miti;
consiglio a chi ha la pelle molto secca di prepararla adeguatamente prima dell’applicazione del prodotto;
• le pelli secche possono tranquillamente usarlo tutto l’anno;
ritengo che chi ha la pelle mista potrebbe trovarsi molto bene con questo prodotto dall’autunno alla primavera;
essendo un prodotto dalla texture elastica è ideale per le pelli mature.
Mi raccomando, ricordatevi che queste sono indicazioni di massima perché nessuno potrà mai prevedere come reagirà la vostra pelle ad un determinato prodotto.

 

 

CONCLUSIONI:
la texture è fluida e leggera, consente di applicare il prodotto sia con le spugne che con il pennello (sia lingua di gatto che kabuky);
la coprenza è media;
è possibile stratificate il prodotto per ottenere una coprenza medio alta;
il finish varia leggermente passando da più opaco (ma naturale) nella colorazione P a luminoso nelle altre colorazioni;
la durata è buona (resta fermo al suo posto e non evidenzia le linee d’espressione).

 

ALTRI ARTICOLI RELATIVI A REFERENZE PUROPHI:
My Age Luminous eye-lip
My Age Mat – oily skin

Trattamento Purophi
Primer No Gender PHI

 

 

INCI FONDANT P:
AQUA (WATER), ISOAMYL COCOATE, CAPRYLIC/CAPRIC TRIGLYCERIDE, C13-15 ALKANE, OLEYL ERUCATE, POLYGLYCERYL-6 STEARATE, GLYCERIN, MICA, POLYGLYCERYL-4 CAPRATE, STEARIC ACID, CETYL PALMITATE, PERSEA GRATISSIMA (AVOCADO) OIL*, HYDROLYZED TOMATO SKIN, HYDROLYZED VERBASCUM THAPSUS FLOWER*, CROCUS SATIVUS FLOWER EXTRACT, NIACINAMIDE, PHYSALIS ANGULATA EXTRACT, CITRIC ACID, BETAINE, LACTIC ACID, TOCOPHERYL ACETATE, XANTHAN GUM, POLYGLYCERYL-6 BEHENATE, SODIUM LAUROYL GLUTAMATE, LYSINE, ALUMINUM HYDROXIDE, ETHYLHEXYLGLYCERIN, MAGNESIUM CHLORIDE, BENTONITE, PHENOXYETHANOL, PARFUM (FRAGRANCE), SODIUM BENZOATE, POTASSIUM SORBATE, MAY CONTAIN (+/-) CI 77891, CI 77491, CI 77492, CI 77499.
*da agricoltura biologica

 

Come sempre mi farebbe piacere saper cosa ne pensate e se avete provato questo prodotto perciò, se vi va, lasciatemi un commento. 
Spero che questo post vi sia stato utile e vi ringrazio per essere passati dal mio blog.

QUESTI PRODOTTI MI SONO STATI GENTILMENTE INVIATI DALL’AZIENDA AL FINE DI PROVARLI E RECENSIRLI E QUESTO POST È FRUTTO DELLA MIA PERSONALE ESPERIENZA E RISPECCHIA APPIENO IL MIO SINCERO E DISINTERESSATO PENSIERO.

6 Commenti

  • Rispondi
    Tatiana
    Marzo 16, 2020 at 1:57 pm

    Articolo davvero interessante e dettagliato, questo fondotinta potrebbe andar bene per la mia pelle secca, anche se l’uso dell’adattatono mi spaventa un poco considerato la mia scarsa abilità a truccarmi 😂

    • Rispondi
      makeupbioaddicted
      Marzo 17, 2020 at 10:57 am

      Ciao Tatiana, nei prossimi giorni caricherò un video in cui vi mostro nel dettaglio l’aggiustatono in azione (con la nuova fotocamera dovrei riuscire a mostrarvi per bene la facilità di utilizzo).

  • Rispondi
    Ilaria
    Marzo 16, 2020 at 8:46 am

    Buongiorno Sele, bellissimo articolo. Mi attirano tanto, sono molto particolari e sicuramente lenngwndo il tuo articolo mi sono chiarita qualche dubbio. Grazie, un abbraccio

  • Rispondi
    Tina - Miss Purpurea
    Marzo 15, 2020 at 7:42 pm

    Concordo pienamente con l’incipit dell’articolo: doveva assolutamente vincere il premio Sana Novità 2019! Sin da subito Purophi mi ha colpita per questa idea sicuramente innovativa rispetto al mondo della biocosmesi e le tue parole non hanno fatto altro che confermare ciò che pensavo. Ovviamente, come sempre con i tuoi articoli e le tue splendide foto hai fatto rinascere in me la voglia di approfondire questi prodotti <3

    • Rispondi
      makeupbioaddicted
      Marzo 15, 2020 at 8:19 pm

      Tina ti ringrazio.
      Quando un prodotto mi piace scrivere diventa un piacere.
      Grazie

    Lascia un Commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.